martedì 5 giugno 2012

Come installare uno scaldabagno a gas che scarica sotto balcone praticabile pur rispettando le distanze imposte dalla UNI 7129/2008 e tenendo conto regolamento edilizio del comune.

Preso atto delle restrinzioni imposte dalla norma UNI 7129/2008 e dai regolamenti edilizi comunali, alcuni costruttori di scaldabagni hanno progettato un apparecchio che può essere installato all'esterno senza canali da fumo che scaricano a parete o a tetto come richiesto. Si tratta di Apparecchio classificato come A3 per cui differente dai più comuni a camera aperta tipo B e camera stagna tipo C. Come risaputo la UNI 7129 riporta una tabella con delle distanze minime e zone da rispettare nei confronti dei terminali di scarico fumi, non solo sotto i balconi praticabili anche se questo punto è la parte più interessante. In questi anni le alternative per poter redigere una dichiarazione VERITIERA era trovare degli escamotage per così dire, modificando il percorso dei canali da fumi o intubare una canna fumaria singola ove possibile naturalmente. Purtroppo la realtà....Continua la lettura

venerdì 16 marzo 2012

Situazione normativa per impianti riscaldamento in Torino

La relazione Legge 10 non basta più e la raccomandazione R03/03 del CTI non è più valida ma è stata sostituita dalle UNI TS11300 (la cui parte 4 è in pubblicazione.
Il regolamento edilizio locale ha un proprio allegato energetico con prescrizioni ulteriori.
Una nota non trascurabile è la possibilità delle detrazioni fiscali 36 o 55% visto che, a prescindere dalla normativa che di seguito dettaglio, occorre essere consapevoli che tra impianti tradizionali e quelli a condensazione (anche in presenza di radiatori) esiste una differenza sostanziale nei costi d’esercizio che le rendono comunque convenienti. Per altro nulla toglie che i radiatori siano in realtà delle piastre radianti che consentono di utilizzate la circolazione a bassa temperatura.
Le normative di riferimento sono:
1. LR 13/2007 Disposizioni in materia di rendimento energetico nell'edilizia
2. Stralcio di piano regionale per il riscaldamento ambientale e il condizionamento
3. Regolamento Edilizio (articolo 39 bis) e....
Continua a leggere qui...